Seleziona una pagina

Far comprendere agli alunni che guidare in sicurezza un veicolo è un’attività complessa che coinvolge mente e corpo e che richiede buone condizioni psicofisiche. Creare nei giovani una maggiore consapevolezza degli effetti, sui comportamenti di guida e sul rischio di incorrere in un incidente stradale, derivanti dall’assunzione di alcool e droghe. Ma soprattutto promuovere, attraverso l’educazione stradale e il contrasto di ogni forma di illegalità, stili di vita sani e comportamenti responsabili nell’ambito di una più ampia attenzione allo sviluppo di competenze critiche in materia di cittadinanza attiva. Sono questi gli obiettivi del progetto nazionale EdustradaAlcool, droghe e guida dei veicoli”, cui hanno aderito le classi 5A Agro e 5A Grafico della nostra scuola.

Nella mattinata di venerdì 31 gennaio, accompagnati dalle docenti Fabia Gallegati, Maria Elena Morsiani e Madia Ferretti, gli alunni hanno partecipato ad un incontro formativo in Aula Magna con le referenti ACI territoriali, che li hanno coinvolti in una serie di attività interattive finalizzate a stimolare una riflessione in merito alle cause più diffuse di incidenti stradali e ai fattori di rischio connessi alle condizioni psicofisiche del conducente.

Attraverso la visione di filmati e video-interviste e il ricorso a una metodologia basata su un approccio di tipo stimolo-reazione, gli studenti sono stati sollecitati ad interrogarsi sulla propria percezione del rischio e dei pericoli connessi con l’assunzione di alcool e droghe prima di mettersi al volante, sugli effetti di tali sostanze sulle capacità di guida, la velocità di reazione e i livelli di attenzione durante la conduzione di veicoli, ma anche sulle frequenti distrazioni indotte dall’utilizzo di dispositivi tecnologici alla guida e sull’assunzione di responsabilità individuale in relazione a tali comportamenti.

Le referenti ACI che hanno condotto l’incontro hanno, inoltre, fornito ai ragazzi informazioni essenziali in merito alle norme e alle sanzioni previste per chi si mette alla guida sotto l’effetto di alcool e sostanze stupefacenti, alle modalità di misurazione del tasso alcolemico e a cosa fare in caso di superamento dei livelli consentiti. L’utilizzo di un apposito dispositivo che simula gli effetti dell’alcool sul corpo umano ha, infine, permesso agli studenti di sperimentare in modo tangibile lo stato di alterazione e rallentamento dei riflessi indotto dal consumo di sostanze alcoliche, toccando con mano quanto possa essere pericoloso mettersi alla guida quando si è bevuto.

Un’esperienza senz’altro utilissima per gli alunni e le alunne delle classi coinvolte, che hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con tematiche di grande attualità, in direzione di una maggiore consapevolezza di quei comportamenti a rischio che possono mettere seriamente in pericolo la propria vita e quella altrui.

A.M. Ufficio Stampa

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network. Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Chiudi